I guardiani della memoria, e il ritorno delle destre xenofobe