Borghi in rovina, fabbriche dai recinti violati, grandi architetture ospedaliere, edifici residenziali, cantieri interrotti: nel tempo l’abbandono dei luoghi ha generato una tassonomia la cui diversità pare oggi inarrestabile. Tale varietà, che costituisce il principio dal quale si intende partire e soffermarsi con le riflessioni contenute in questo volume, coincide sia con la naturale eterogeneità di questi spazi sia con le diffe- renti ragioni che nel tempo li hanno condot- ti verso la dismissione. Il progetto biografie sospese si confronta con il complesso tema dell’abbandono, attraverso una esplorazio- ne fotografica di alcuni luoghi inutilizzati presenti sul territorio lombardo, utilizzan- do la carica emozionale della fotografia nel richiamare paesaggi molteplici e nel favorire una interpretazione/dialogo con lo sguardo del fotografo. La lettura densa di questi luoghi si presta a riflessioni intorno alle pratiche che li hanno percorsi e che li potrebbero rianimare entro un disegno di recupero dei manufatti e di rigenerazione dei contesti urbani.

(2018). Biografie sospese. Un’esplorazione dei luoghi densamente disabitati della Lombardia [edited book - curatela]. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/121516

Biografie sospese. Un’esplorazione dei luoghi densamente disabitati della Lombardia

Adobati, Fulvio
2018-01-01

Abstract

Borghi in rovina, fabbriche dai recinti violati, grandi architetture ospedaliere, edifici residenziali, cantieri interrotti: nel tempo l’abbandono dei luoghi ha generato una tassonomia la cui diversità pare oggi inarrestabile. Tale varietà, che costituisce il principio dal quale si intende partire e soffermarsi con le riflessioni contenute in questo volume, coincide sia con la naturale eterogeneità di questi spazi sia con le diffe- renti ragioni che nel tempo li hanno condot- ti verso la dismissione. Il progetto biografie sospese si confronta con il complesso tema dell’abbandono, attraverso una esplorazio- ne fotografica di alcuni luoghi inutilizzati presenti sul territorio lombardo, utilizzan- do la carica emozionale della fotografia nel richiamare paesaggi molteplici e nel favorire una interpretazione/dialogo con lo sguardo del fotografo. La lettura densa di questi luoghi si presta a riflessioni intorno alle pratiche che li hanno percorsi e che li potrebbero rianimare entro un disegno di recupero dei manufatti e di rigenerazione dei contesti urbani.
curatela (libro)
Adobati, Fulvio
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
Biografie sospese_indice.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: cover/index - copertina/indice
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 1.14 MB
Formato Adobe PDF
1.14 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/121516
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact