Il volume funge da supporto scientifico ai partecipanti delle Giornate della Geografia 2019 e offre uno sguardo sulle differenti attività di ricerca realizzate presso il DiathesisLab dai geografi della scuola bergamasca, presentando alla Comunità geografica il fertile milieu che l’Università degli studi di Bergamo e il Centro studi sul territorio costituiscono per la disciplina. A partire dalle “nuove sfide” evocate nel sottotitolo, la pubblicazione riflette sull’interpretazione dei processi territoriali e dei fenomeni urbani, ancorandosi agli studi teorici di Emanuela Casti e alle esplorazioni sul terreno, condotte anche a livello internazionale, che la sede bergamasca ha realizzato negli ultimi anni. Tali riflessioni riconoscono alla conoscenza cartografica – teorica prima che tecnica – un ruolo fondamentale e innovatore per le pratiche di studio e rappresentazione dei territori contemporanei. Le nuove opportunità, per esempio, basate sull’utilizzo dei Big Data per tracciare il movimento degli individui e far emergere le singolarità dei luoghi, identificano nel mapping il contesto deputato all’intreccio di competenze e “sguardi” interdisciplinari. Inoltre, il mapping si rivela strategico in una stagione segnata da nuove domande di ricerca condizionate dalla continua trasformazione degli assetti insediativi e dall’ineludibile paradigma della mondializzazione. Si tratta di un quadro complesso e in costante mutamento che reclama, oltre che il confronto con gli strumenti dell’analisi territoriale e del mapping, delle riflessioni basate sul dialogo tra varie competenze provenienti da differenti ambiti culturali e professionali, ben rappresentati dal neologismo geourbanistica. A partire da queste premesse il lavoro raccoglie, dopo le presentazioni e l’introduzione, in una prima parte, le riflessioni di diagnostica territoriale per la gestione delle dinamiche indotte dalla mobilità e i problemi connessi alla rigenerazione urbana e territoriale, mentre in una seconda parte racchiude gli studi relativi all’analisi delle configurazioni ambientali e paesaggistiche del territorio recuperando, attraverso metodologie e sistemi di partecipazione, i valori culturali provenienti dagli abitanti.

(2019). La geografia a Bergamo: nuove sfide per l'analisi territoriale e il mapping [edited book - curatela]. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/146356

La geografia a Bergamo: nuove sfide per l'analisi territoriale e il mapping

Casti, Emanuela
2019

Abstract

Il volume funge da supporto scientifico ai partecipanti delle Giornate della Geografia 2019 e offre uno sguardo sulle differenti attività di ricerca realizzate presso il DiathesisLab dai geografi della scuola bergamasca, presentando alla Comunità geografica il fertile milieu che l’Università degli studi di Bergamo e il Centro studi sul territorio costituiscono per la disciplina. A partire dalle “nuove sfide” evocate nel sottotitolo, la pubblicazione riflette sull’interpretazione dei processi territoriali e dei fenomeni urbani, ancorandosi agli studi teorici di Emanuela Casti e alle esplorazioni sul terreno, condotte anche a livello internazionale, che la sede bergamasca ha realizzato negli ultimi anni. Tali riflessioni riconoscono alla conoscenza cartografica – teorica prima che tecnica – un ruolo fondamentale e innovatore per le pratiche di studio e rappresentazione dei territori contemporanei. Le nuove opportunità, per esempio, basate sull’utilizzo dei Big Data per tracciare il movimento degli individui e far emergere le singolarità dei luoghi, identificano nel mapping il contesto deputato all’intreccio di competenze e “sguardi” interdisciplinari. Inoltre, il mapping si rivela strategico in una stagione segnata da nuove domande di ricerca condizionate dalla continua trasformazione degli assetti insediativi e dall’ineludibile paradigma della mondializzazione. Si tratta di un quadro complesso e in costante mutamento che reclama, oltre che il confronto con gli strumenti dell’analisi territoriale e del mapping, delle riflessioni basate sul dialogo tra varie competenze provenienti da differenti ambiti culturali e professionali, ben rappresentati dal neologismo geourbanistica. A partire da queste premesse il lavoro raccoglie, dopo le presentazioni e l’introduzione, in una prima parte, le riflessioni di diagnostica territoriale per la gestione delle dinamiche indotte dalla mobilità e i problemi connessi alla rigenerazione urbana e territoriale, mentre in una seconda parte racchiude gli studi relativi all’analisi delle configurazioni ambientali e paesaggistiche del territorio recuperando, attraverso metodologie e sistemi di partecipazione, i valori culturali provenienti dagli abitanti.
curatela (libro)
Casti, Emanuela
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
La Geografia a Bergamo.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 4.96 MB
Formato Adobe PDF
4.96 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/146356
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact