Nel 1999 durante i lavori di ristrutturazione di un’antica villa a Catania in Sicilia, Le Carte di Pasquale Maria Benza furono casualmente ritrovate. Questi documenti costituiscono adesso l’Archivio Benza. Trattasi di numerosi scritti scientifici e dettagliati appunti di viaggio di un medico siciliano agli inizi del diciannovesimo secolo al servizio della Corona britannica e della Compagnia delle Indie Orientali. Queste note scritte riportano accurate deduzioni di differenti discipline quali la Medicina, la Geografia, la Botanica e la Geologia. Tra Le Carte particolare importanza rivestono i numerosi diari, i resoconti di viaggio, gli studi, i saggi scientifici, le minute di lettere ufficiali e personali, la maggior parte di questi documenti mai studiata e mai pubblicata, e infine un’autobiografia in tre volumi, rimasta incompiuta. L’obiettivo è quello di raccontare, inizialmente, le caratteristiche della personalità di Benza attraverso quello che Benza stesso dice, o decide di dire di sè e poi evidenziare l’alto valore scientifico dei suoi studi dimostrando il grande contributo che le sue pubblicazioni hanno offerto agli scienziati del tempo attraverso la ricerca di collegamenti reali, testimonianze, riferimenti precisi. In sintesi, si cercherà di dare un primo ordine agli elementi della personalità di Benza e dei suoi lavori, attraverso l’analisi di quelli che potrebbero essere definiti gli ‘scritti intimi’: i suoi Diari, la sua autobiografia La Mia Vita, le sue innumerevoli lettere ma anche attraverso le opere scientifiche. Dopo averlo collocato nel panorama storico, con riferimenti alla politica del tempo e al panorama letterario e scientifico contemporaneo, applicando confronti verso altri scrittori di Diari e Autobiografie così come verso i maggiori scienziati del tempo, questa tesi si occuperà di elaborare le informazioni, classificarle, immagazzinarle così da offrire ad attuali o future ricerche letterario-scientifiche uno stimolo per l’approfondimento di un personaggio ancora troppo ingiustamente sconosciuto.

(2022). Pasquale Maria Benza medico della Corona Britannica e il dibattito scientifico di inizio Ottocento . Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/227412

Pasquale Maria Benza medico della Corona Britannica e il dibattito scientifico di inizio Ottocento

Lo Vetere, Francesca
2022

Abstract

Nel 1999 durante i lavori di ristrutturazione di un’antica villa a Catania in Sicilia, Le Carte di Pasquale Maria Benza furono casualmente ritrovate. Questi documenti costituiscono adesso l’Archivio Benza. Trattasi di numerosi scritti scientifici e dettagliati appunti di viaggio di un medico siciliano agli inizi del diciannovesimo secolo al servizio della Corona britannica e della Compagnia delle Indie Orientali. Queste note scritte riportano accurate deduzioni di differenti discipline quali la Medicina, la Geografia, la Botanica e la Geologia. Tra Le Carte particolare importanza rivestono i numerosi diari, i resoconti di viaggio, gli studi, i saggi scientifici, le minute di lettere ufficiali e personali, la maggior parte di questi documenti mai studiata e mai pubblicata, e infine un’autobiografia in tre volumi, rimasta incompiuta. L’obiettivo è quello di raccontare, inizialmente, le caratteristiche della personalità di Benza attraverso quello che Benza stesso dice, o decide di dire di sè e poi evidenziare l’alto valore scientifico dei suoi studi dimostrando il grande contributo che le sue pubblicazioni hanno offerto agli scienziati del tempo attraverso la ricerca di collegamenti reali, testimonianze, riferimenti precisi. In sintesi, si cercherà di dare un primo ordine agli elementi della personalità di Benza e dei suoi lavori, attraverso l’analisi di quelli che potrebbero essere definiti gli ‘scritti intimi’: i suoi Diari, la sua autobiografia La Mia Vita, le sue innumerevoli lettere ma anche attraverso le opere scientifiche. Dopo averlo collocato nel panorama storico, con riferimenti alla politica del tempo e al panorama letterario e scientifico contemporaneo, applicando confronti verso altri scrittori di Diari e Autobiografie così come verso i maggiori scienziati del tempo, questa tesi si occuperà di elaborare le informazioni, classificarle, immagazzinarle così da offrire ad attuali o future ricerche letterario-scientifiche uno stimolo per l’approfondimento di un personaggio ancora troppo ingiustamente sconosciuto.
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
CollanaSAFD_Volume41_2022.pdf

accesso aperto

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione del file 6.84 MB
Formato Adobe PDF
6.84 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10446/227412
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact