La sentenza 1/2013: osservazioni di logica e di argomentazione