Linee, intrichi, intrighi. Sull'estetica di William Hogarth