Scuola: tornare al «pre-politico» per sperare un «politico» migliore