Il "demonismo della forma" e il "trascendimento nel nulla". Ferruccio Masini legge Gottfried Benn