Violenza senza fine e "azione perfetta". Sulle tracce di Simone Weil