Dal greco al latino, ritorno o persistenza dei classici?