Saremo padroni o schiavi dell'informatica del futuro?