A fronte dei continui stimoli dettati dall’evoluzione normativa, le pubbliche amministrazioni sono costantemente costrette a rivedere il proprio modo di operare e di agire. Il presente lavoro si focalizza su tale fenomeno in uno specifico territorio. In seguito alla profonda riforma del sistema socio-sanitario introdotta dalla Regione Lombardia, l’Agenzia di Tutela della Saluta (ATS) della provincia di Bergamo ha risposto mediante la creazione di una Comunità di pratica inter-aziendale (CdP) a cui partecipano anche le tre Aziende Socio Sanitarie Territoriali (ASST) del territorio. Attraverso le tecniche dell’osservazione partecipante e dell’analisi documentale, il presente lavoro analizza tale caso mettendo in luce i processi, le potenzialità e i limiti di tale scelta di governance del territorio. Dallo studio emerge l’importanza di centrare il focus del proprio operato sull’obiettivo generale della propria attività, in questo caso “il prendersi cura del cittadino”, questo può aprire a logiche cooperative e collaborative. Inoltre, sebbene sia innegabile che il vertice delle strutture socio-sanitarie ha un ruolo essenziale nel nutrire e diffondere una cultura condivisa, è emersa l’importanza di istituire comunità di pratica anche a livello più operativo, dove la ‘pratica’ prende effettivamente corpo.

(2018). Potenzialità e limiti delle comunità di pratica in sanità: un caso di studio . Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/135446

Potenzialità e limiti delle comunità di pratica in sanità: un caso di studio

Cattaneo, Cristiana;Signori, Silvana;Acerbis, Elisabetta
2018-01-01

Abstract

A fronte dei continui stimoli dettati dall’evoluzione normativa, le pubbliche amministrazioni sono costantemente costrette a rivedere il proprio modo di operare e di agire. Il presente lavoro si focalizza su tale fenomeno in uno specifico territorio. In seguito alla profonda riforma del sistema socio-sanitario introdotta dalla Regione Lombardia, l’Agenzia di Tutela della Saluta (ATS) della provincia di Bergamo ha risposto mediante la creazione di una Comunità di pratica inter-aziendale (CdP) a cui partecipano anche le tre Aziende Socio Sanitarie Territoriali (ASST) del territorio. Attraverso le tecniche dell’osservazione partecipante e dell’analisi documentale, il presente lavoro analizza tale caso mettendo in luce i processi, le potenzialità e i limiti di tale scelta di governance del territorio. Dallo studio emerge l’importanza di centrare il focus del proprio operato sull’obiettivo generale della propria attività, in questo caso “il prendersi cura del cittadino”, questo può aprire a logiche cooperative e collaborative. Inoltre, sebbene sia innegabile che il vertice delle strutture socio-sanitarie ha un ruolo essenziale nel nutrire e diffondere una cultura condivisa, è emersa l’importanza di istituire comunità di pratica anche a livello più operativo, dove la ‘pratica’ prende effettivamente corpo.
Cattaneo, Cristiana; Signori, Silvana; Acerbis, Elisabetta
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
CATTANEO ET AL, Potenzialita e limiti delle com unità di pratica in sanità.un caso di studio_finale.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: postprint - versione referata/accettata senza referaggio
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 329.88 kB
Formato Adobe PDF
329.88 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Stile memo_Signori.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: non applicabile
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 137.7 kB
Formato Adobe PDF
137.7 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/135446
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact