Iole, Onfale ed Ercole innamorato: da Ovidio al teatro sei-settecentesco