Sull’interpretazione del carme 67 di Catullo. Note in margine a una recente edizione