Sulla frontiera del corpo: l’Intercultura tra i banchi di scuola