Comicità e tragicità per la "cantio" dantesca (Dve II viii 8)