Politici e corretti. La contestazione studentesca, l’attivismo digitale e il culto della purezza