«Homo vagus et inconstans»: una definizione su cui riflettere