Il XIX secolo rappresenta un momento di svolta dell’interesse delle élites francesi acculturate per il Medio oriente, in cui la conoscenza dei costumi e della religione dell’Altro si fonda sull’esperienza diretta in loco. Si tratta di una sorta di metodologia “pratica” elaborata dagli orientalisti, e condotta in gran parte grazie al lavoro sul campo, che unisce interessi linguistici, antropologici, culturali e storici. In questo contesto emerge un’attenzione per la “costruzione” dell’identità dei popoli. Se è vero che l’Europeo rimane un grande produttore di immagini – la riconfigurazione delle relazioni coloniali, l’industrializzazione, e la rivoluzione dei trasporti e della mobilità degli uomini, garantiscono una dimensione globale all’Europa –, il Medio oriente diventa sempre più riconoscibile e, in qualche modo, integrato nella sfera culturale europea. Si tratta qui di capire come questa interazione fra “mondi” differenti viene presentata e come circoli in Francia nella seconda metà del XIX secolo. A questo proposito le pubblicazioni patrocinate dal Service des missions del Ministero della pubblica istruzione presentano un punto di vista delle élites francesi sulle culture mediorientali che è influenzato dall’immagine stereotipata di una realtà presentata come ostile alla modernità ed alla civilisation europeo-cristiana.

(2020). Il Service des missions e l’imperialismo ‘culturale’ francese in Medio oriente (1842-1890) [journal article - articolo]. In QUADERNI ASIATICI. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/160687

Il Service des missions e l’imperialismo ‘culturale’ francese in Medio oriente (1842-1890)

Vaghi, Massimiliano
2020

Abstract

Il XIX secolo rappresenta un momento di svolta dell’interesse delle élites francesi acculturate per il Medio oriente, in cui la conoscenza dei costumi e della religione dell’Altro si fonda sull’esperienza diretta in loco. Si tratta di una sorta di metodologia “pratica” elaborata dagli orientalisti, e condotta in gran parte grazie al lavoro sul campo, che unisce interessi linguistici, antropologici, culturali e storici. In questo contesto emerge un’attenzione per la “costruzione” dell’identità dei popoli. Se è vero che l’Europeo rimane un grande produttore di immagini – la riconfigurazione delle relazioni coloniali, l’industrializzazione, e la rivoluzione dei trasporti e della mobilità degli uomini, garantiscono una dimensione globale all’Europa –, il Medio oriente diventa sempre più riconoscibile e, in qualche modo, integrato nella sfera culturale europea. Si tratta qui di capire come questa interazione fra “mondi” differenti viene presentata e come circoli in Francia nella seconda metà del XIX secolo. A questo proposito le pubblicazioni patrocinate dal Service des missions del Ministero della pubblica istruzione presentano un punto di vista delle élites francesi sulle culture mediorientali che è influenzato dall’immagine stereotipata di una realtà presentata come ostile alla modernità ed alla civilisation europeo-cristiana.
articolo
Vaghi, Massimiliano
(2020). Il Service des missions e l’imperialismo ‘culturale’ francese in Medio oriente (1842-1890) [journal article - articolo]. In QUADERNI ASIATICI. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/160687
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
2020_ QA_ Vaghi_ Service des missions.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 224.28 kB
Formato Adobe PDF
224.28 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/160687
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact