'Ghirlanda', 'corona' e 'alloro': alcune osservazioni sul novenario dantesco