Dal fallimento alla liquidazione giudiziale: un cambio nominalistico?