In the 1980s, the new epistemological context, generated by the spread of the epistemology of complexity in different disciplinary areas, also marks the human and social sciences. Complexity thus becomes an “identity marker” also of pedagogical thinking and acting. Today, “complexity” is the revealing word of our age. In order to understand and interpret the complexity of the world, no modeling, no particular techniques, no specific procedures are needed. We need a perspective change, a paradigm shift, what Edgar Morin names the “thinking reform”.

Negli anni ’80 il clima epistemologico nuovo, generato dalla diffusione in diversi ambiti disciplinari dell’epistemologia della complessità, segna anche le scienze umane e sociali. La complessità diventa così un “marcatore di identità” anche del sapere e dell’agire pedagogico. Oggi la complessità è la parola rivelatrice del nostro tempo. Per comprendere e interpretare la complessità del mondo, non servono modellizzazioni, non tecniche particolari, non procedurespecifiche. Serve un rivolgimento prospettico, un cambiamento di paradigma, quella che Edgar Morin chiama la “riforma del pensiero”.

(2021). Educazione e complessità. Una sfida epistemologica, antropologica e politica [journal article - articolo]. In NUOVA SECONDARIA. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/185926

Educazione e complessità. Una sfida epistemologica, antropologica e politica

Lazzarini, Anna
2021

Abstract

Negli anni ’80 il clima epistemologico nuovo, generato dalla diffusione in diversi ambiti disciplinari dell’epistemologia della complessità, segna anche le scienze umane e sociali. La complessità diventa così un “marcatore di identità” anche del sapere e dell’agire pedagogico. Oggi la complessità è la parola rivelatrice del nostro tempo. Per comprendere e interpretare la complessità del mondo, non servono modellizzazioni, non tecniche particolari, non procedurespecifiche. Serve un rivolgimento prospettico, un cambiamento di paradigma, quella che Edgar Morin chiama la “riforma del pensiero”.
articolo
In the 1980s, the new epistemological context, generated by the spread of the epistemology of complexity in different disciplinary areas, also marks the human and social sciences. Complexity thus becomes an “identity marker” also of pedagogical thinking and acting. Today, “complexity” is the revealing word of our age. In order to understand and interpret the complexity of the world, no modeling, no particular techniques, no specific procedures are needed. We need a perspective change, a paradigm shift, what Edgar Morin names the “thinking reform”.
Lazzarini, Anna
(2021). Educazione e complessità. Una sfida epistemologica, antropologica e politica [journal article - articolo]. In NUOVA SECONDARIA. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/185926
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
Lazzarini_Complessità_NSR.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 220.27 kB
Formato Adobe PDF
220.27 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Dichiarazione Lazzarini.pdf

accesso aperto

Versione: non applicabile
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 556.62 kB
Formato Adobe PDF
556.62 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/185926
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact