L'inquieta costanza e il patto poetico. Szondi a proposito della traduzione di Celan del sonetto 105 di Shakespeare