Il contributo prende in esame la sentenza con cui la Corte di Cassazione, a sezioni unite, l’8 maggio 2019 è tornata ad occuparsi del tema della maternità surrogata, avendo riguardo, in particolare, alla nozione di ordine pubblico internazionale. La Corte conclude nel senso che il divieto di maternità surrogata costituisce un principio di ordine pubblico volto a tutelare valori fondamentali, quali la dignità umana della gestante. Tale decisione risulta coerente con il parere consultivo reso nell’aprile 2019 dalla Corte europea dei diritti dell’uomo che, richiesta della Corte di Cassazione francese nel caso Menneson, ha stabilito che spetta a ciascuno Stato, in virtù del proprio margine di apprezzamento, determinare le modalità attraverso le quali garantire il riconoscimento del legame di filiazione, ivi compreso il ricorso all’adozione. Le difficoltà di applicazione del principio così sancito sono tuttavia evidenti, come sempre più complesse sono le situazioni che possono determinarsi a seguito, ad esempio, della trasmissione da parte di più soggetti del proprio patrimonio genetico. Di qui la proposta di nuove soluzioni, alla luce anche della più recente giurisprudenza francese.

(2020). Gli effetti della maternità surrogata al vaglio della Corte di Cassazione italiana e di altre corti [journal article - articolo]. In RIVISTA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO E PROCESSUALE. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/193250

Gli effetti della maternità surrogata al vaglio della Corte di Cassazione italiana e di altre corti

Baruffi, Maria Caterina
2020

Abstract

Il contributo prende in esame la sentenza con cui la Corte di Cassazione, a sezioni unite, l’8 maggio 2019 è tornata ad occuparsi del tema della maternità surrogata, avendo riguardo, in particolare, alla nozione di ordine pubblico internazionale. La Corte conclude nel senso che il divieto di maternità surrogata costituisce un principio di ordine pubblico volto a tutelare valori fondamentali, quali la dignità umana della gestante. Tale decisione risulta coerente con il parere consultivo reso nell’aprile 2019 dalla Corte europea dei diritti dell’uomo che, richiesta della Corte di Cassazione francese nel caso Menneson, ha stabilito che spetta a ciascuno Stato, in virtù del proprio margine di apprezzamento, determinare le modalità attraverso le quali garantire il riconoscimento del legame di filiazione, ivi compreso il ricorso all’adozione. Le difficoltà di applicazione del principio così sancito sono tuttavia evidenti, come sempre più complesse sono le situazioni che possono determinarsi a seguito, ad esempio, della trasmissione da parte di più soggetti del proprio patrimonio genetico. Di qui la proposta di nuove soluzioni, alla luce anche della più recente giurisprudenza francese.
articolo
Baruffi, Maria Caterina
(2020). Gli effetti della maternità surrogata al vaglio della Corte di Cassazione italiana e di altre corti [journal article - articolo]. In RIVISTA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO E PROCESSUALE. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/193250
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
Baruffi_maternità surrogata_RDIPP 2020.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 497.36 kB
Formato Adobe PDF
497.36 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/193250
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact