La Corte d’appello di Trento, Sez. I, con ordinanza del 23 febbraio 2017 riconosce per la prima volta nel nostro ordinamento un provvedimento giudiziale straniero attributivo della co-genitorialità su due minori al compagno del padre biologico, al quale è unito civilmente, non ritenendo sussistere contrarietà all’ordine pubblico, in virtù del principio di continuità dello status personale, ponderato con la tutela del superiore interesse del minore.

(2017). Co-genitorialità same-sex e minori nati con maternità surrogata [journal article - articolo]. In FAMIGLIA E DIRITTO. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/193319

Co-genitorialità same-sex e minori nati con maternità surrogata

Baruffi, Maria Caterina
2017

Abstract

La Corte d’appello di Trento, Sez. I, con ordinanza del 23 febbraio 2017 riconosce per la prima volta nel nostro ordinamento un provvedimento giudiziale straniero attributivo della co-genitorialità su due minori al compagno del padre biologico, al quale è unito civilmente, non ritenendo sussistere contrarietà all’ordine pubblico, in virtù del principio di continuità dello status personale, ponderato con la tutela del superiore interesse del minore.
articolo
Baruffi, Maria Caterina
(2017). Co-genitorialità same-sex e minori nati con maternità surrogata [journal article - articolo]. In FAMIGLIA E DIRITTO. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/193319
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
Baruffi_Famiglia e diritto_2017.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 169.07 kB
Formato Adobe PDF
169.07 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/193319
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact