Margherita Pusterla e il romanzo storico