Per una dinamogenesi affettiva dell'umano, dell'animale e del non-umano