Come fare cose con le cose: un esercizio di ontologia ingenua