Mobilità sociale e beni comuni nei micro-villaggi tardomedievali: il caso di Montonero