L’obiettivo di questo articolo è quello di analizzare la modalità con cui gli autori valutano e presentano i loro risultati ai loro colleghi e pari con il fine ultimo, da un lato, di difendere la loro identità e dall’altro, di costituire una comunità discorsiva. Dal momento che la ricerca si focalizza più ampiamente sul discorso valutativo (Aijmer 2005, Mauranen 2004, Stubbs 2001, e Swales 2004) ed identitario, verrano presi in considerazione elementi lessicali definiti nello studio come research process words (RPWs). Attraverso un’attenta analisi delle collocations delle RPWs, intendiamo offrire un mezzo di analisi del linguaggio valutativo laddove esso si realizza in presenza di parole specifiche. L’analisi di specifiche costruzioni ed elementi lessicali si avvale anche delle frequenze di distribuzione comparativa. I risultati del presente studio supportano l’ipotesi che il linguaggio valutativo incorpora un’interazione tra autore e lettore indipendentemente dalla disciplina in oggetto. Precise scelte lessicali e parole specifiche appaiono essere più frequenti di altre. Tuttavia resta inteso che l’analisi testuale e l’identificazione del linguaggio valutativo non sono processi immediati anche in studi accademici che si avvalgono di tecniche analitiche e automatiche. Numerosi linguisti, tra cui Bhatia 1993 e 1997, hanno ampiamente dimostrato che il genere dell’abstract, inteso come testo accademico, non risulta essere più oggettivo di altri generi testuali ma semplicemente è più efficace a nascondere la voce individuale dell’autore.

(2008). The Good Me or the Bad Me? Identity and Evaluation in Research Article Abstracts [journal article - articolo]. In LINGUISTICA E FILOLOGIA. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/202

The Good Me or the Bad Me? Identity and Evaluation in Research Article Abstracts

2008

Abstract

L’obiettivo di questo articolo è quello di analizzare la modalità con cui gli autori valutano e presentano i loro risultati ai loro colleghi e pari con il fine ultimo, da un lato, di difendere la loro identità e dall’altro, di costituire una comunità discorsiva. Dal momento che la ricerca si focalizza più ampiamente sul discorso valutativo (Aijmer 2005, Mauranen 2004, Stubbs 2001, e Swales 2004) ed identitario, verrano presi in considerazione elementi lessicali definiti nello studio come research process words (RPWs). Attraverso un’attenta analisi delle collocations delle RPWs, intendiamo offrire un mezzo di analisi del linguaggio valutativo laddove esso si realizza in presenza di parole specifiche. L’analisi di specifiche costruzioni ed elementi lessicali si avvale anche delle frequenze di distribuzione comparativa. I risultati del presente studio supportano l’ipotesi che il linguaggio valutativo incorpora un’interazione tra autore e lettore indipendentemente dalla disciplina in oggetto. Precise scelte lessicali e parole specifiche appaiono essere più frequenti di altre. Tuttavia resta inteso che l’analisi testuale e l’identificazione del linguaggio valutativo non sono processi immediati anche in studi accademici che si avvalgono di tecniche analitiche e automatiche. Numerosi linguisti, tra cui Bhatia 1993 e 1997, hanno ampiamente dimostrato che il genere dell’abstract, inteso come testo accademico, non risulta essere più oggettivo di altri generi testuali ma semplicemente è più efficace a nascondere la voce individuale dell’autore.
articolo
Venuti, Marco; Cava, AMELIA M.
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
LeF27(2008)CavaVenuti.pdf

accesso aperto

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione del file 88.62 kB
Formato Adobe PDF
88.62 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/202
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact