Più di altre immagini, quella zenitale, presa dal cielo, sembra implicare un pensiero, un modo particolare di estrarre senso dal mondo o di proiettarlo su di esso, di localizzare e fissare un significato. La torsione retorica dell’immagine aerea allora, per com’è rappresentata in certo cinema bellico contemporaneo, interessa tanto la cultura visuale quanto proprio, ancor più in profondità, la validità di un meccanismo di significazione, di un modo di ragionare, di una logica.

(2017). Un fallimento dell’immaginazione. La ragione aerea e il cinema bellico contemporaneo . Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/210188

Un fallimento dell’immaginazione. La ragione aerea e il cinema bellico contemporaneo

Avezzù, Giorgio
2017

Abstract

Più di altre immagini, quella zenitale, presa dal cielo, sembra implicare un pensiero, un modo particolare di estrarre senso dal mondo o di proiettarlo su di esso, di localizzare e fissare un significato. La torsione retorica dell’immagine aerea allora, per com’è rappresentata in certo cinema bellico contemporaneo, interessa tanto la cultura visuale quanto proprio, ancor più in profondità, la validità di un meccanismo di significazione, di un modo di ragionare, di una logica.
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
Avezzù_Un fallimento dell'immaginazione.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 771.89 kB
Formato Adobe PDF
771.89 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/210188
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact