Fin dai primi anni Venti, la frontiera fra Italia e Canton Ticino costituì un terreno fertile di scambio pedagogico, didattico e culturale fra Giuseppe Lombardo Radice e le vivaci reti magistrali della Svizzera italiana, che contribuirono ad arricchire la sua prospettiva pedagogica anche dopo la rottura con Giovanni Gentile e i “ritocchi” alla riforma del sistema scolastico italiano del 1923. Lo spoglio del periodico «L’Educatore della Svizzera Italiana» ha consentito di identificare due terreni di confronto: la valorizzazione delle esperienze di scuola “serena”, in cui Lombardo Radice trovò concretizzata la sua concezione di scuola “educatrice”; la diffusione dell’agazzismo quale prospettiva pedagogica maggiormente rispondente al consolidamento dell’istruzione prescolastica in Canton Ticino, a discapito della pedagogia montessoriana. Il costante rapporto con il mondo ticinese, favorito dall’amicizia con Ernesto Pelloni – direttore delle scuole comunali di Lugano e dell’«Educatore della Svizzera Italiana» – consentì a Lombardo Radice di trovare oltre-confine, nel pieno del processo di «fascistizzazione» della scuola italiana, la possibilità di proseguire la sua opera.

(2022). Tracce di un «transfert» pedagogico-culturale italo-svizzero nelle relazioni fra Ernesto Pelloni e Giuseppe Lombardo Radice [journal article - articolo]. In ARCHIVIO STORICO TICINESE. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/223428

Tracce di un «transfert» pedagogico-culturale italo-svizzero nelle relazioni fra Ernesto Pelloni e Giuseppe Lombardo Radice

Scaglia, Evelina
2022

Abstract

Fin dai primi anni Venti, la frontiera fra Italia e Canton Ticino costituì un terreno fertile di scambio pedagogico, didattico e culturale fra Giuseppe Lombardo Radice e le vivaci reti magistrali della Svizzera italiana, che contribuirono ad arricchire la sua prospettiva pedagogica anche dopo la rottura con Giovanni Gentile e i “ritocchi” alla riforma del sistema scolastico italiano del 1923. Lo spoglio del periodico «L’Educatore della Svizzera Italiana» ha consentito di identificare due terreni di confronto: la valorizzazione delle esperienze di scuola “serena”, in cui Lombardo Radice trovò concretizzata la sua concezione di scuola “educatrice”; la diffusione dell’agazzismo quale prospettiva pedagogica maggiormente rispondente al consolidamento dell’istruzione prescolastica in Canton Ticino, a discapito della pedagogia montessoriana. Il costante rapporto con il mondo ticinese, favorito dall’amicizia con Ernesto Pelloni – direttore delle scuole comunali di Lugano e dell’«Educatore della Svizzera Italiana» – consentì a Lombardo Radice di trovare oltre-confine, nel pieno del processo di «fascistizzazione» della scuola italiana, la possibilità di proseguire la sua opera.
articolo
Scaglia, Evelina
(2022). Tracce di un «transfert» pedagogico-culturale italo-svizzero nelle relazioni fra Ernesto Pelloni e Giuseppe Lombardo Radice [journal article - articolo]. In ARCHIVIO STORICO TICINESE. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/223428
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
2022 - AST_171_05_Scaglia (1).pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 630.34 kB
Formato Adobe PDF
630.34 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/223428
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact