n the democratic Italy, the problem of the people it is placed at the center of the reflections on the education and of the teacher's expirience. With the case of Don Milani we enter a different context compared to the authors so far treated. The people of Don Milani are in fact above all else "creature" of God, whose form has disappeared under the burden of centuries of exploitation and injustice. The school is assigned the task of bringing this form to light, while the priest-teacher has the task of providing the linguistic tools so that the people can take part in the life that awaits them at the height of the page of history that the time is about. to turn. Full of prophetic resonances, Don Milani's discourse on education moves, between Esperienze pastorali and Lettera a una professoressa, along a path that accompanies the history of Christianity in Italy outside the ideological frameworks of the Church of Pius XII, meeting the great transformations that the Country lives at the turn of the sixties. With Don Milani the period of post-war democratic pedagogy also closes, which had entrusted the school not only with the task of facilitating the entry of the masses into the State, but, precisely with Don Milani, it had conceived for the last time the idea of a general reform of the moral and intellectual bases of the life of the lower classes.

Il problema del popolo sta al centro delle riflessioni educative e della pratica magistrale dell'Italia democratica. Con don Milani si entra in un contesto differente rispetto agli autori finora trattati. Il popolo di don Milani è infatti prima di ogni altra cosa «creatura» di Dio, la cui forma originaria è stata sepolta sotto secoli di sfruttamento ed ingiustizia. Alla scuola è assegnato il compito di riportare in luce tale forma mentre al prete maestro spetta il compito di fornire con il linguaggio gli strumenti perché il popolo possa prendere parte alla vita che lo aspetta all'altezza della pagina di storia che l'epoca si appresta a girare. Carico di risonanze profetiche, il discorso educativo di don Milani si muove, tra Esperienze pastorali e Lettera a una professoressa, lungo un tracciato che accompagna la storia del cristianesimo in Italia fuori dai quadri ideologici della Chiesa di Pio XII, incontro alle grandi trasformazioni che il Paese vive a cavallo degli anni Sessanta. Con don Milani si chiude anche la stagione della pedagogia democratica del dopoguerra che aveva affidato alla scuola non solo il compito di facilitare l'ingresso delle masse nello Stato, ma appunto con don Milani aveva concepito per l'ultima volta l'idea di una riforma generale delle basi morali e intellettuali della vita delle classi subalterne.

(2022). Tre "maestri". Lorenzo Milani [journal article - articolo]. In NUOVA SECONDARIA. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/228586

Tre "maestri". Lorenzo Milani

Scotto di Luzio, Adolfo
2022

Abstract

Il problema del popolo sta al centro delle riflessioni educative e della pratica magistrale dell'Italia democratica. Con don Milani si entra in un contesto differente rispetto agli autori finora trattati. Il popolo di don Milani è infatti prima di ogni altra cosa «creatura» di Dio, la cui forma originaria è stata sepolta sotto secoli di sfruttamento ed ingiustizia. Alla scuola è assegnato il compito di riportare in luce tale forma mentre al prete maestro spetta il compito di fornire con il linguaggio gli strumenti perché il popolo possa prendere parte alla vita che lo aspetta all'altezza della pagina di storia che l'epoca si appresta a girare. Carico di risonanze profetiche, il discorso educativo di don Milani si muove, tra Esperienze pastorali e Lettera a una professoressa, lungo un tracciato che accompagna la storia del cristianesimo in Italia fuori dai quadri ideologici della Chiesa di Pio XII, incontro alle grandi trasformazioni che il Paese vive a cavallo degli anni Sessanta. Con don Milani si chiude anche la stagione della pedagogia democratica del dopoguerra che aveva affidato alla scuola non solo il compito di facilitare l'ingresso delle masse nello Stato, ma appunto con don Milani aveva concepito per l'ultima volta l'idea di una riforma generale delle basi morali e intellettuali della vita delle classi subalterne.
articolo
n the democratic Italy, the problem of the people it is placed at the center of the reflections on the education and of the teacher's expirience. With the case of Don Milani we enter a different context compared to the authors so far treated. The people of Don Milani are in fact above all else "creature" of God, whose form has disappeared under the burden of centuries of exploitation and injustice. The school is assigned the task of bringing this form to light, while the priest-teacher has the task of providing the linguistic tools so that the people can take part in the life that awaits them at the height of the page of history that the time is about. to turn. Full of prophetic resonances, Don Milani's discourse on education moves, between Esperienze pastorali and Lettera a una professoressa, along a path that accompanies the history of Christianity in Italy outside the ideological frameworks of the Church of Pius XII, meeting the great transformations that the Country lives at the turn of the sixties. With Don Milani the period of post-war democratic pedagogy also closes, which had entrusted the school not only with the task of facilitating the entry of the masses into the State, but, precisely with Don Milani, it had conceived for the last time the idea of a general reform of the moral and intellectual bases of the life of the lower classes.
Scotto di Luzio, Adolfo
(2022). Tre "maestri". Lorenzo Milani [journal article - articolo]. In NUOVA SECONDARIA. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/228586
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
ScottodiLuzio_DEF_1settembre_153-166.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 292.14 kB
Formato Adobe PDF
292.14 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
NS1 - 2022_copertina e sommario.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: cover/index - copertina/indice
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 3.95 MB
Formato Adobe PDF
3.95 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/228586
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact