La vitalità della letteratura nell’insinuarsi nel dibattito sul lavoro e sulle sue conseguenze è nota da tempo. Ancor più lo è la capacità, che hanno avuto le narrazioni dedicate ai più piccoli e agli adolescenti, di ritagliarsi uno spazio nelle pieghe di una storia dell’infanzia, costretta a muoversi in un mondo produttivo spesso alienante e disumanizzante, dove i personaggi sono coinvolti in un “fare” raccontato come processo privo di significato. Tuttavia, quella stessa letteratura – se si scava sotto la superficie, guardando ai bambini e ai ragazzi di carta, in essa disegnati, nella loro essenza e unicità, secondo un assetto che è insieme idiografico e interdisciplinare – è in grado di rivelare anche prospettive inedite sul mestiere, restituendo l’immagine di una laboriosità che per tanti, e a certe condizioni formative, ha trasceso le dimensioni dello sfruttamento e della sottomissione per aprirsi alla imprenditorialità di sé. Secondo una prospettiva che fa appello alla specificità stessa della pedagogia, il volume approfondisce le ragioni critiche per le quali i protagonisti restituiti dalla penna degli scrittori, se indagati non come esempi astratti e paradigmatici, ma come persone con un nome, svelano in maniera autentica come e quanto hanno saputo trovare, nell’incontro con il lavoro, un’occasione di educazione e formazione identitaria.

(2022). Da un lavoro al proprio lavoro. Una teoria dell’educazione e formazione nella letteratura per l’infanzia e l’adolescenza . Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/228901

Da un lavoro al proprio lavoro. Una teoria dell’educazione e formazione nella letteratura per l’infanzia e l’adolescenza

Mazzini, Alessandra
2022

Abstract

La vitalità della letteratura nell’insinuarsi nel dibattito sul lavoro e sulle sue conseguenze è nota da tempo. Ancor più lo è la capacità, che hanno avuto le narrazioni dedicate ai più piccoli e agli adolescenti, di ritagliarsi uno spazio nelle pieghe di una storia dell’infanzia, costretta a muoversi in un mondo produttivo spesso alienante e disumanizzante, dove i personaggi sono coinvolti in un “fare” raccontato come processo privo di significato. Tuttavia, quella stessa letteratura – se si scava sotto la superficie, guardando ai bambini e ai ragazzi di carta, in essa disegnati, nella loro essenza e unicità, secondo un assetto che è insieme idiografico e interdisciplinare – è in grado di rivelare anche prospettive inedite sul mestiere, restituendo l’immagine di una laboriosità che per tanti, e a certe condizioni formative, ha trasceso le dimensioni dello sfruttamento e della sottomissione per aprirsi alla imprenditorialità di sé. Secondo una prospettiva che fa appello alla specificità stessa della pedagogia, il volume approfondisce le ragioni critiche per le quali i protagonisti restituiti dalla penna degli scrittori, se indagati non come esempi astratti e paradigmatici, ma come persone con un nome, svelano in maniera autentica come e quanto hanno saputo trovare, nell’incontro con il lavoro, un’occasione di educazione e formazione identitaria.
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
mazzini_148x210-8.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 1.82 MB
Formato Adobe PDF
1.82 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/228901
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact