L’umanità da tempi remoti avverte l’impulso di spingersi verso l’alto: lo sguardo, costretto a cogliere un flusso ininterrotto di immagini, cerca una posizione di distacco per soddisfare la curiosità di scoprire il mondo. Cosa e quanto possiamo osservare giunti alla sommità? L’uomo si è interrogato, ha rappresentato la apoteosi fin dall’antichità: E vanno gli uomini a contemplare le cime dei monti […] (Aug. Conf. X, 8, 15). Esemplare per riflettere sul simbolismo dell’alto l’epistola sull’ascesa al monte Ventoso di Petrarca (Familiari IV, 1). Il poeta che ha messo in scena un rovesciamento radicale della percezione teologico-medievale introduce nella potenzialità visiva la dimensione della temporalità. Petrarca conquista una meta, forse con la volontà di emulare l’esperienza di grandi personaggi antichi, ma ancor più interessa l’orizzonte che dalla vetta descrive. Il lettore scopre territori che universalmente ci appartengono, si inoltra in un luogo mentale, in cui confluiscono biografia e memoria storica. Ecco dunque spalancarsi sotto di noi una geografia concreta, europea e uno spazio mitologico che è la nostra patria, una terra perduta in cui sono fiorite le lettere e le arti, custode della propria storia. Dall’alto si indaga dunque una duplice dimensione, verso l’interiorità e verso il passato, alla ricerca di una riqualificazione del presente.

(2011). Petrarca: dall'alto e oltre il "Monte Ventoso" [journal article - articolo]. In ELEPHANT & CASTLE. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/229251

Petrarca: dall'alto e oltre il "Monte Ventoso"

Gritti, Elena
2011

Abstract

L’umanità da tempi remoti avverte l’impulso di spingersi verso l’alto: lo sguardo, costretto a cogliere un flusso ininterrotto di immagini, cerca una posizione di distacco per soddisfare la curiosità di scoprire il mondo. Cosa e quanto possiamo osservare giunti alla sommità? L’uomo si è interrogato, ha rappresentato la apoteosi fin dall’antichità: E vanno gli uomini a contemplare le cime dei monti […] (Aug. Conf. X, 8, 15). Esemplare per riflettere sul simbolismo dell’alto l’epistola sull’ascesa al monte Ventoso di Petrarca (Familiari IV, 1). Il poeta che ha messo in scena un rovesciamento radicale della percezione teologico-medievale introduce nella potenzialità visiva la dimensione della temporalità. Petrarca conquista una meta, forse con la volontà di emulare l’esperienza di grandi personaggi antichi, ma ancor più interessa l’orizzonte che dalla vetta descrive. Il lettore scopre territori che universalmente ci appartengono, si inoltra in un luogo mentale, in cui confluiscono biografia e memoria storica. Ecco dunque spalancarsi sotto di noi una geografia concreta, europea e uno spazio mitologico che è la nostra patria, una terra perduta in cui sono fiorite le lettere e le arti, custode della propria storia. Dall’alto si indaga dunque una duplice dimensione, verso l’interiorità e verso il passato, alla ricerca di una riqualificazione del presente.
articolo
Gritti, Elena
(2011). Petrarca: dall'alto e oltre il "Monte Ventoso" [journal article - articolo]. In ELEPHANT & CASTLE. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/229251
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
articolo Elena Gritti - E&C ottobre 2011.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione del file 1.59 MB
Formato Adobe PDF
1.59 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/229251
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact