L’antropologia, come molte scienze umane, fonda la riflessività del proprio sapere sulla capacità di sviluppare una vigilanza critica. Parlare di ‘critica’, tuttavia, non vuol dire riuscire immediatamente a riconoscersi in una scuola o in un approccio specifico. Negli ultimi anni, il dibattito intorno alla ‘postura critica’ dell’antropologia si è mosso in varie direzioni, mentre i vari studiosi cercavano un appoggio teorico in tradizioni filosofiche e sociologiche eterogenee. Sono critici i marxisti, i foucaultiani, gli agambeniani; sono critici gli studi post-coloniali e i cultural studies. Altri ancora, tuttavia, hanno voluto suggerire che la forza critica dell’antropologia risiede primariamente nel suo metodo, che produce descrizioni articolate dei mondi sociali e, in questo modo, ne comprende e ne interpreta la ‘grana sottile’. Tra i pensatori che maggiormente hanno seguito quest’ultima strada, Didier Fassin è quello che, forse, prima di tutti è riuscito a poggiarsi su una letteratura complessa e vasta – quella foucaultiana – e riproporre, in modo quanto mai attuale i nuclei essenziali di una nuova forma di criticismo ispirata dal filosofo francese. Questo saggio tratta delle poste in gioco di questo approccio, analizzando i trascendentali della nostra disciplina: la problematizzazione e la denaturalizzazione degli oggetti sociali.

(2019). «Qu'est-ce que la critique?». Didier Fassin e l'"attitude critique" in antropologia [journal article - articolo]. In LARES. Retrieved from https://hdl.handle.net/10446/233741

«Qu'est-ce que la critique?». Didier Fassin e l'"attitude critique" in antropologia

Quarta, Luigigiovanni
2019-01-01

Abstract

L’antropologia, come molte scienze umane, fonda la riflessività del proprio sapere sulla capacità di sviluppare una vigilanza critica. Parlare di ‘critica’, tuttavia, non vuol dire riuscire immediatamente a riconoscersi in una scuola o in un approccio specifico. Negli ultimi anni, il dibattito intorno alla ‘postura critica’ dell’antropologia si è mosso in varie direzioni, mentre i vari studiosi cercavano un appoggio teorico in tradizioni filosofiche e sociologiche eterogenee. Sono critici i marxisti, i foucaultiani, gli agambeniani; sono critici gli studi post-coloniali e i cultural studies. Altri ancora, tuttavia, hanno voluto suggerire che la forza critica dell’antropologia risiede primariamente nel suo metodo, che produce descrizioni articolate dei mondi sociali e, in questo modo, ne comprende e ne interpreta la ‘grana sottile’. Tra i pensatori che maggiormente hanno seguito quest’ultima strada, Didier Fassin è quello che, forse, prima di tutti è riuscito a poggiarsi su una letteratura complessa e vasta – quella foucaultiana – e riproporre, in modo quanto mai attuale i nuclei essenziali di una nuova forma di criticismo ispirata dal filosofo francese. Questo saggio tratta delle poste in gioco di questo approccio, analizzando i trascendentali della nostra disciplina: la problematizzazione e la denaturalizzazione degli oggetti sociali.
articolo
Quarta, Luigigiovanni
(2019). «Qu'est-ce que la critique?». Didier Fassin e l'"attitude critique" in antropologia [journal article - articolo]. In LARES. Retrieved from https://hdl.handle.net/10446/233741
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
«QU’EST-CE QUE LA CRITIQUE?».pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 807.15 kB
Formato Adobe PDF
807.15 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/233741
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact