Contribution retraces the genesis of the institution of the Zone logistiche Semplificate (Simplified Logistic Zones) in Italy and examines its interpretation and implementation in the context of the Emilia-Romagna Region. In particular, the system of planning choices within which the ZLS-ER takes shape is analyzed and discussed, as well as the process of selection of candidate areas to be part of it. In one of its most interesting aspects, the case can be seen as a sort of experiment in the construction of an “operational landscape” which raises (or renews) the issue of the friction between a regional space conceived as a functional support for economic dynamics and the contextual habitability conditions of territories, in antithesis to any partial and/or sectorial reductionism.

Questo contributo ricostruisce la genesi dell’istituto delle Zone logistiche semplificate in Italia e ne esamina la traduzione e implementazione nel contesto della Regione Emilia-Romagna. Si analizza, in particolare, il sistema di scelte pianificatorie con cui la formazione della ZLS si confronta ed entro cui prende corpo e forma, nonché il processo di selezione delle aree candidate ad esserne parte. In uno degli aspetti di suo maggiore interesse, il caso può osservarsi come una sorta di esperimento di costruzione di un “paesaggio operazionale” che pone (o rinnova) la questione della frizione tra uno spazio regionale pensato come supporto funzionale di dinamiche economiche e le condizioni contestuali d’abitabilità dei territori, in antitesi a ogni riduzione strumentale e/o settoriale.

(2022). Bulimia logistica e opzioni d’organizzazione territoriale. Note sulla costruzione di un paesaggio operazionale . In MEMORIE GEOGRAFICHE. Retrieved from https://hdl.handle.net/10446/233789

Bulimia logistica e opzioni d’organizzazione territoriale. Note sulla costruzione di un paesaggio operazionale

Paris, Mario;
2022-01-01

Abstract

Questo contributo ricostruisce la genesi dell’istituto delle Zone logistiche semplificate in Italia e ne esamina la traduzione e implementazione nel contesto della Regione Emilia-Romagna. Si analizza, in particolare, il sistema di scelte pianificatorie con cui la formazione della ZLS si confronta ed entro cui prende corpo e forma, nonché il processo di selezione delle aree candidate ad esserne parte. In uno degli aspetti di suo maggiore interesse, il caso può osservarsi come una sorta di esperimento di costruzione di un “paesaggio operazionale” che pone (o rinnova) la questione della frizione tra uno spazio regionale pensato come supporto funzionale di dinamiche economiche e le condizioni contestuali d’abitabilità dei territori, in antitesi a ogni riduzione strumentale e/o settoriale.
Bonfantini, Bertrando; Paris, Mario; Ventura, Erica
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
Bonfantini-Ventura-Paris_Bulimia logistica_catene-chains_2022.pdf

accesso aperto

Descrizione: Edizione completa
Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione del file 1.37 MB
Formato Adobe PDF
1.37 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/233789
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact