Luis Fayad: la scrittura dei diseredati