“Lei non sa chi sono io!”: potere, solidarietà, rispetto e distanza nella comunicazione