«Zuccherini e crostate». Lorenzo Da Ponte libraio nel nuovo mondo