Statue in movimento: divismo, attorialità e memorie dell’antico