For more than a decade the current geographical area called Franciacorta has started activities to share territorial policies; promoted by local institutions and widely supported by economic and territorial entities. This path led to a territorial cooperation agreement called “Terra della Franciacorta” (June 2013, involving 18 municipalities of the controlled and guaranteed denomination of origin vineyards - CGDO), and in July 2015, at the launch of the Regional Territorial Plan (PTRA) of Franciacorta supported by 18 municipalities of the CGDO area in addition to 9 municipalities of a buffer zone. The “PTRA of Franciacorta”, in line with the interpretative framework and policy, collects promotion and territorial governance policies and become: (i) a platform concerning the Community programs; (ii) a policy coordination tool aimed at territorial qualification and tourist promotion of the area (thanks to the presence of the wine strong brand); (iii) an activation tool of public resources (rewarding in the notices / internal stability pact, development of properties underused and abandoned); (iv) a tool of private investment activation (promotion of settlement occasions, modulation of contribution charges, program agreements). In the reorganization framework of the territorial Government following the Law n. 56 / 2014, obligations and opportunities in managing services and functions are structured in new organizational paths, finding in the Franciacorta experience, territories to be designed using innovative ways. The planning process is supported by analysis of the local geo-historical texture, in order to identify characters and specificity values that contribute to a dense reading of the context, and, at the same time, represent fertile cues for spatial enhancement, with particular reference to implementation of tourism policies. The analysis, intended to articulate the reading beyond the reductive uniqueness often functional to the promotion of so-called 'cultural landscapes', identifying the territorial armor and landscape, divided into six geo-historical areas. The vision of a Franciacorta in the plural, constituted an unusual starting point of the planning process, an interesting element that enriches the unifying visions (of course, valid for the promotion instruments) supported by local marketing, and nowadays associated with the presence of stretches of vineyards currently extended from the slopes to the plain.

Da oltre un decennio l’ambito (attuale) della Franciacorta ha avviato un percorso di condivisione delle politiche territoriali, promosso dalle istituzioni locali e ampiamente sostenuto dai soggetti economici e territoriali. Tale percorso ha condotto a un accordo di cooperazione territoriale (Terra della Franciacorta, giugno 2013, 18 comuni della DOCG) e, nel luglio 2015, al varo del Piano Territoriale Regionale d’Area- PTRA ‘Franciacorta’, in fase di elaborazione, a cui aderiscono 18 comuni della DOCG + 9 comuni buffer. Il PTRA Franciacorta, entro la struttura interpretativa e di indirizzo, accoglie politiche di promozione e governance territoriale e diventa: (i) piattaforma che traguarda la programmazione comunitaria; (ii) strumento di coordinamento delle politiche volte alla qualificazione territoriale e alla promozione in chiave turistica dell’area (forte del brand); (iii) strumento di attivazione di risorse pubbliche (premialità nei bandi / patto di stabilità interno, valorizzazione del patrimonio immobiliare sottoutilizzato e dismesso); (iv) strumento di attivazione di investimenti privati (promozione di occasioni insediative, modulazione della contribuzione degli oneri, AdP, ecc.). Nel quadro di riorganizzazione del governo territoriale successivo alla L.56/2014, obblighi e opportunità di gestione di servizi e funzioni si fondono e si riarticolano, trovando nell’esperienza Franciacorta ‘territori di progetto’ per lo sviluppo di traiettorie inedite. Il processo di pianificazione è supportato da una analisi della trama geostorica locale, al fine di individuare caratteri, valori e specificità che contribuiscono a una lettura densa del contesto territoriale, e, nel contempo, rappresentano fertili spunti per la valorizzazione territoriale, con particolare riferimento all’implementazione delle politiche turistiche. L’analisi condotta, ha inteso articolare la lettura oltre l’unicità riduttiva spesso funzionale alla promozione dei cosiddetti ‘paesaggi culturali’, identificando un’armatura territoriale e paesaggistica, articolata in sei ambiti. La visione di una Franciacorta al plurale, ha costituito un inedito punto di partenza del processo di pianificazione, interessante elemento di arricchimento delle visioni unificanti (beninteso, legittime sul piano promozionale) sostenute dal marketing locale, oggi associate alla presenza delle distese di vigneti del ‘bollicine’ che dai pendii hanno guadagnato il piano.

(2016). Dalla Franciacorta al Franciacorta (e ritorno). Geografie territoriali e promozione del brand . Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/80374

Dalla Franciacorta al Franciacorta (e ritorno). Geografie territoriali e promozione del brand

ADOBATI, Fulvio;FERLINGHETTI, Renato;LORENZI, Moris Antonio;
2016-09-01

Abstract

Da oltre un decennio l’ambito (attuale) della Franciacorta ha avviato un percorso di condivisione delle politiche territoriali, promosso dalle istituzioni locali e ampiamente sostenuto dai soggetti economici e territoriali. Tale percorso ha condotto a un accordo di cooperazione territoriale (Terra della Franciacorta, giugno 2013, 18 comuni della DOCG) e, nel luglio 2015, al varo del Piano Territoriale Regionale d’Area- PTRA ‘Franciacorta’, in fase di elaborazione, a cui aderiscono 18 comuni della DOCG + 9 comuni buffer. Il PTRA Franciacorta, entro la struttura interpretativa e di indirizzo, accoglie politiche di promozione e governance territoriale e diventa: (i) piattaforma che traguarda la programmazione comunitaria; (ii) strumento di coordinamento delle politiche volte alla qualificazione territoriale e alla promozione in chiave turistica dell’area (forte del brand); (iii) strumento di attivazione di risorse pubbliche (premialità nei bandi / patto di stabilità interno, valorizzazione del patrimonio immobiliare sottoutilizzato e dismesso); (iv) strumento di attivazione di investimenti privati (promozione di occasioni insediative, modulazione della contribuzione degli oneri, AdP, ecc.). Nel quadro di riorganizzazione del governo territoriale successivo alla L.56/2014, obblighi e opportunità di gestione di servizi e funzioni si fondono e si riarticolano, trovando nell’esperienza Franciacorta ‘territori di progetto’ per lo sviluppo di traiettorie inedite. Il processo di pianificazione è supportato da una analisi della trama geostorica locale, al fine di individuare caratteri, valori e specificità che contribuiscono a una lettura densa del contesto territoriale, e, nel contempo, rappresentano fertili spunti per la valorizzazione territoriale, con particolare riferimento all’implementazione delle politiche turistiche. L’analisi condotta, ha inteso articolare la lettura oltre l’unicità riduttiva spesso funzionale alla promozione dei cosiddetti ‘paesaggi culturali’, identificando un’armatura territoriale e paesaggistica, articolata in sei ambiti. La visione di una Franciacorta al plurale, ha costituito un inedito punto di partenza del processo di pianificazione, interessante elemento di arricchimento delle visioni unificanti (beninteso, legittime sul piano promozionale) sostenute dal marketing locale, oggi associate alla presenza delle distese di vigneti del ‘bollicine’ che dai pendii hanno guadagnato il piano.
Adobati, Fulvio; Ferlinghetti, Renato; Lorenzi, Moris Antonio; Signoretti, Federica
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
paper AISRe_2016_Adobati-Ferlinghetti-Lorenzi-Signoretti_fulvio-14-07-16.pdf

accesso aperto

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 1.66 MB
Formato Adobe PDF
1.66 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10446/80374
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact