I liberali e la riforma elettorale del 1953