I colleghi che in corridoio si lamentano hanno ancora tre giorni per riflettere