Berlino e le sue "assenze presenti", o la creatività del vuoto