Segnali discorsivi e segnali pragmatici: sensibilità al mutamento e alla variazione sociolinguistica