"Anche il bassorilievo è arte": Zhang Ailing e il cinema