Sulla legittimità dell’accordo di prossimità in materia di sotto-inquadramento retributivo