La trascrizione strumentale del significante: dalle origini alle digital humanities