È controversa l'individuazione delle condizioni necessarie per la variazione unilaterale del tasso di interesse compensativo dei buoni fruttiferi postali, nel corso del rapporto e sulla base di un decreto ministeriale adottato ai sensi dell'art. 173, comma 1, d.p.r. 29 marzo 1973, n. 156. Nel dettaglio, secondo un primo orientamento, l'art. 173, comma 1°, incide in modo diretto sul contenuto disciplinare del contratto stipulato con l'investitore, venendo a costituirne parte integrante, sì che la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale è condizione sufficiente per la variazione dei tassi di interesse. A questo si contrappone un secondo orientamento, secondo il quale, per un verso, il potere di modifica unilaterale delle condizioni economiche dell'investimento entra a far parte del contenuto contrattuale solamente in ragione di un'apposita previsione nel contesto del contratto; per l'altro, l'applicazione del nuovo tasso di interesse resta subordinata alla messa a disposizione negli uffici postali aperti al pubblico delle tabelle recanti i tassi aggiornati. La questione ha rilevanza di massima importanza e di novità, vista la diffusione dell'investimento in buoni fruttiferi postali e la mancanza di precedenti specifici della giurisprudenza di legittimità. Per queste ragioni, la Corte rimette la causa al Primo presidente per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite ai sensi dell'art. 374 c.p.c. (1).

(2019). Il "ritorno" dei buoni fruttiferi postali al cospetto delle sezioni unite della Corte di Cassazione . In IL CASO. Retrieved from http://hdl.handle.net/10446/226430

Il "ritorno" dei buoni fruttiferi postali al cospetto delle sezioni unite della Corte di Cassazione

Costa, Sebastiano
2019

Abstract

È controversa l'individuazione delle condizioni necessarie per la variazione unilaterale del tasso di interesse compensativo dei buoni fruttiferi postali, nel corso del rapporto e sulla base di un decreto ministeriale adottato ai sensi dell'art. 173, comma 1, d.p.r. 29 marzo 1973, n. 156. Nel dettaglio, secondo un primo orientamento, l'art. 173, comma 1°, incide in modo diretto sul contenuto disciplinare del contratto stipulato con l'investitore, venendo a costituirne parte integrante, sì che la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale è condizione sufficiente per la variazione dei tassi di interesse. A questo si contrappone un secondo orientamento, secondo il quale, per un verso, il potere di modifica unilaterale delle condizioni economiche dell'investimento entra a far parte del contenuto contrattuale solamente in ragione di un'apposita previsione nel contesto del contratto; per l'altro, l'applicazione del nuovo tasso di interesse resta subordinata alla messa a disposizione negli uffici postali aperti al pubblico delle tabelle recanti i tassi aggiornati. La questione ha rilevanza di massima importanza e di novità, vista la diffusione dell'investimento in buoni fruttiferi postali e la mancanza di precedenti specifici della giurisprudenza di legittimità. Per queste ragioni, la Corte rimette la causa al Primo presidente per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite ai sensi dell'art. 374 c.p.c. (1).
Costa, Sebastiano
File allegato/i alla scheda:
File Dimensione del file Formato  
BFP_IlCaso.it.pdf

Solo gestori di archivio

Versione: publisher's version - versione editoriale
Licenza: Licenza default Aisberg
Dimensione del file 305.69 kB
Formato Adobe PDF
305.69 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Aisberg ©2008 Servizi bibliotecari, Università degli studi di Bergamo | Terms of use/Condizioni di utilizzo

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10446/226430
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact